Skincare, i consigli della dott.ssa D'Angelo | Apollinea

Skincare, i consigli della dott.ssa D’Angelo

Skincare, i consigli della dott.ssa d'Angelo

La skincare routine è di fondamentale importanza per mantenere una pelle sana, luminosa e giovane. Dagli step ai prodotti ideali, ecco i consigli della nostra esperta farmacista e cosmetologa

Oggi parliamo di skincare con la dott.ssa Paola d’Angelo, farmacista e cosmetologa, esperta di cosmetica naturale.

Facciamo un po’ di chiarezza su come si effettua una corretta beauty routine e quali sono gli step da seguire, per mantenere una pelle sana, luminosa e giovane.

Si parla tanto di skincare: cos’è e a cosa serve?

Skincare è una parola composta di origine inglese che sta ad indicare la “cura delle pelle”. È importante effettuarla quotidianamente, di mattina e di sera. Deve essere adattata a seconda del tipo di pelle, utilizzando sempre detergenti e prodotti delicati che rimuovono in maniera gentile ed efficace le impurità, mantenendo attive le difese naturali della pelle e la funzionalità del film idrolipidico. Basta seguire delle semplici regole/step per mantenere la pelle sana e idratata.

Quali sono gli step di una corretta beauty routine?

Gli step fondamentali sono:

  • Struccarsi (la sera)
  • Detergere la pelle (mattina e sera)
  • Applicare il siero (mattina e sera)
  • Applicare la crema viso (io consiglio solo al mattino)

Partiamo dal primo step, la detersione

Il “primo tempo cosmetico” è, appunto, la detersione cutanea ed è basilare per il mantenimento di una cute sana. Questo atto molto comune, ma spesso sottovalutato, può diventare il punto debole e critico per il mantenimento delle condizioni ottimali della cute. È un rituale quotidiano essenziale, che va eseguito due volte al giorno.

La skincare coreana è quella ottimale perché prevede la doppia detersione. Il primo detergente è oleoso e si applica sul viso asciutto con movimenti circolari. A contatto con l’acqua si trasforma in una schiuma capace di rimuovere ogni tipo di impurità dal viso, come make-up o sebo. Il secondo in schiuma svolge, invece, un’azione più profonda e va scelto in base al proprio tipo di pelle.


Ti potrebbe interessare: Tipi di pelle: come riconoscere il tuo

La pelle, infatti, può essere disidratata e mancare di compattezza, segnata da rughe, spenta, o a tendenza grassa, ma comunque disidratata. Il suo stato, poi, evolve in funzione delle stagioni della vita, della stanchezza e dello stress. Ecco perché il secondo detergente deve essere scelto in base a quello che la nostra pelle “ci dice in quel determinato momento”. Poi un paio di volte alla settimana si deve effettuare uno scrub.

Come si fa lo scrub?

Per completare la detersione è importante effettuare, un paio di volte a settimana, uno scrub con esfolianti enzimatici, che contengono cioè attivi in grado di rimuovere le cellule morte in maniera delicata, liberare i pori e lasciare inalterato il pH della pelle. Come sappiamo le cellule della nostra pelle si rinnovano ogni 21 giorni. Questo ricambio inizia, però, ad allungarsi fino a 28 giorni, sia per l’avanzare dell’età, sia per l’influenza di fattori ambientali, cattive abitudini alimentari e fumo.

Quali sono gli altri step per una corretta skincare routine?

In una corretta skincare routine, dopo la detersione si passa al siero e alla crema viso. Ovviamente la sera la pulizia va preceduta da un’altra azione fondamentale, quella di struccarsi.


Ti potrebbe interessare: Inci: ingredienti cosmetici dannosi per la pelle

Cos’è il siero?

Il siero è un prodotto cosmetico dalla texture generalmente viscosa che ha un’alta percentuale di attivi, una maggiore efficacia e velocità d’azione. Si utilizza da solo la sera o in sinergia con la crema al mattino, in modo da favorire la penetrazione degli attivi. È un trattamento studiato per migliorare l’aspetto della pelle e per questo motivo è importante scegliere il siero giusto.

Come si sceglie il siero per il viso?

Il siero deve essere scelto in base alle proprie esigenze e alla richiesta specifica della nostra pelle. Possiamo suddividerli in 4 grandi categorie:

  • Anti aging, spesso a base di acido ialuronico, che deve essere a bassissimo peso molecolare in modo da penetrare più in profondità. Ha la funzione di richiamare l’acqua in superficie rendendo la pelle più luminosa e attenuando la micro-ruga. Anche il make up risulta più performante.
  • Uniformante, per le discromie e le macchie, serve a rendere soprattutto la pelle più luminosa e darle un colorito uniforme.
  • Equilibrante per pelli miste e grasse con impurità. Ha la funzione di minimizzare le imperfezioni e levigare la pelle.
  • Lenitivo, per pelli reattive con tendenza agli arrossamenti.

Qual è la differenza tra siero e crema?

Il siero ha una texture leggera, penetra più in profondità, mentre la crema ha una composizione più ricca e corposa. Ha, infatti, una funzione di protezione e barriera, si applica al mattino con movimenti circolari dal basso verso l’alto.


Ti potrebbe interessare: Migliore crema antirughe naturale: come sceglierla

Il mio consiglio, quindi, per una corretta skincare è di utilizzare al mattino il siero e poi crema (o anche insieme, unendoli), mentre la sera solo un siero che ha un mix più ricco di principi attivi in grado di agire durante la notte. Non applicherei, invece, la crema per lasciar respirare la pelle e favorire il turnover cellulare.

La Farmacia SPA San Carlo della dott.ssa Paola D’Angelo si trova a Napoli
al Corso Giuseppe Garibaldi, 218.

×