Latte detergente: come si usa e perché va risciacquato

Latte detergente: come si usa e perché va risciacquato

Quasi tutte lo usano, ma non sempre in maniera corretta. Sapevi che il latte detergente va sempre risciacquato? Ti diamo qualche suggerimento su come utilizzarlo al meglio per avere una pelle pulita e luminosa

Il latte detergente è un’emulsione fluida delicata che svolge una pulizia profonda, preservando il naturale film idrolipidico protettivo della pelle. Contiene sostanze lipidiche in grado di sciogliere i residui di make-up, il sebo e lo sporco, senza seccare la pelle. Si usa sia al mattino che alla sera.

È, quindi, un cosmetico fondamentale nella skincare routine perché pulisce a fondo la pelle e la prepara ad accogliere gli altri prodotti come sieri e creme.

Un buon latte detergente oltre a rimuovere ogni tipo di impurità, non deve interrompere l’equilibrio naturale della pelle. La pelle dopo la pulizia con questo prodotto, deve rimanere idratata, pulita, fresca e non presentare segni di arrossamento e irritazione. All’interno dovrebbe, quindi, contenere ingredienti lenitivi, idratanti e nutrienti.

Il mercato propone diversi tipi di latte detergente, ma sarebbe opportuno sceglierne uno naturale. La prima cosa da fare prima dell’acquisto è verificare la presenza di ingredienti naturali: basta controllare l’INCI sull’etichetta.

Come si usa il latte detergente

Potrebbe sembrare quasi banale spiegare come si usa, ma in realtà alcune donne non lo fanno in maniera proprio corretta.


Ti potrebbe interessare: Latte detergente naturale: perché è importante utilizzarlo nella beauty routine

Molte, per esempio, non lo usano al mattino appena sveglie. Questo è un errore perché durante la notte sul viso si accumulano cellule morte e sebo che devono, quindi, essere eliminati per preparare la pelle ad assorbire meglio gli altri prodotti.

Inoltre, non tutte sanno che dopo il suo utilizzo è bene eliminare tutti i residui perché, essendo a base grassa, potrebbe ostruire i pori, favorendo la comparsa di brufoli e punti neri.


Ti potrebbe interessare: Pori dilatati: cosa fare per eliminarli

Il latte detergente, inoltre, può essere tranquillamente utilizzato anche da chi ha la pelle grassa: questo cosmetico, infatti, agisce per il principio di affinità. Vuol dire che la parte grassa del latte detergente scioglie e cattura l’eccesso di sebo presente sulla pelle, senza seccarla, appesantirla o alterarne il Ph. Usare regolarmente il latte detergente, quindi, aiuta a regolare la produzione di sebo e a prevenire la comparsa delle imperfezioni. L’unico aspetto a cui prestare attenzione, come già detto, è il risciacquo.

Una corretta skincare routine prevede che sia utilizzato al mattino e alla sera. Appena sveglie come primo prodotto a cui seguono siero e crema.

Alla sera serve anche per eliminare i residui di trucco, per cui va applicato dopo lo struccante. Per applicarlo correttamente si può stenderlo direttamente con i polpastrelli o con l’aiuto di un dischetto di cotone idrofilo. Non dimenticare mai il collo, una parte quasi sempre trascurata dove, però, si formano molte rughe.


Ti potrebbe interessare: Rughe del collo: come prevenirle ed eliminarle

I residui devono, dunque, essere eliminati con un batuffolo di cotone  umido o risciacquando con acqua tiepida. Ora la pelle è pronta ad accogliere gli altri prodotti come il siero e la crema.

Ecco i prodotti della linea naturale Apollinea, adatti per una skincare routine efficace e delicata.

×