Petrolati: cosa sono e perché evitarli

Petrolati: cosa sono e perché evitarli

Come i parabeni, i petrolati sono impiegati nella cosmetica e nei prodotti di make-up. I più conosciuti sono la vaselina e la paraffina, ma in commercio ne esistono di molti altri tipi. Ecco perché è meglio evitarli e scegliere prodotti naturali

Come i parabeni, i petrolati sono impiegati nella cosmetica e nei prodotti di make-up. Quelli più conosciuti sono la vaselina e la paraffina, ma in commercio ne esistono di molti altri tipi. L’utilizzo è stato oggetto di pesanti critiche negli ultimi anni e, infatti, alcune di queste sostanze, sono state catalogate come cancerogene di tipo 2. Inoltre, le frazioni meno raffinate  sono altamente inquinanti perché non biodegradabili.

Il sistema di classificazione vigente a livello nazionale è quello dell’Unione Europea, stabilito dal regolamento (CE) n. 1272/2008 (Clp), che classifica le sostanze cancerogene in tre Categorie:

1 A. Sono sostanze di cui sono noti gli effetti cancerogeni per l’uomo

1 B. Sostanze di cui si presumono effetti cancerogeni per l’uomo

2. Sostanze di cui si sospettano effetti cancerogeni per l’uomo.

Va sottolineato, però, che la potenziale pericolosità dei petrolati dipende sostanzialmente dalla presenza più o meno alta di frazioni cancerogene all’interno di essi.

Cosa sono i petrolati

Chimicamente i petrolati sono degli idrocarburi (cioè sostanze chimiche composte da lunghe catene di atomi di carbonio e idrogeno), con struttura lineare o ramificata, ottenuti dalla distillazione del petrolio.

Il petrolato è, in pratica, una gelatina ottenuta dal petrolio per raffinazione. Si ottiene dai residui della distillazione, rimasti dopo la totale evaporazione dell’olio.

Si presenta come una pasta cerosa semitrasparente di colore neutro o bianco neve, per le miscele più pure e di ottima qualità, giallo ambrato per le meno pregiate. Quello usato nei cosmetici è il cosiddetto petrolato bianco, ovvero il petrolio raffinato, cioè purificato dalle impurità.

Come riconoscere i petrolati nei cosmetici

Ecco alcuni dei petrolati più diffusi che, nell’INCI dei cosmetici tradizionali, hanno questi nomi:

  • Petrolatum
  • Vaselina
  • Paraffinum liquiduum / Paraffina
  • Cera microcristallina / Microcrystalline Wax
  • Mineral oil (oli minerali)

Ti potrebbe interessare: Parabeni nei cosmetici: impariamo a riconoscerli ed evitarli

Perché sono usati in cosmetica

I motivi principali del loro utilizzo in cosmetica sono principalmente due: costano poco (meno dei grassi vegetali) e hanno una funzione idratante per occlusione. I petrolati, in sostanza, formano un film protettivo sulla cute, impedendole di perdere umidità e quindi di disidratarsi.

C’è, però, un effetto collaterale e cioè che sono comedogenici: occludendo i pori, queste sostanze possono favorire la formazione di punti neri e brufoli su pelli predisposte.

Come i siliconi, poi, non sono dermocompatibili, infatti non apportano alcun nutrimento e beneficio alla pelle o ai capelli, anzi rovinano progressivamente il naturale film idrolipidico.

Alternativa naturale ai petrolati

Nei cosmetici naturali certificati non si utilizzano derivati di origine petrolifera, parabeni e siliconi. Questi ingredienti sono sostituiti da derivati vegetali, più sicuri per la salute del consumatore e con maggiore salvaguardia dell’ambiente. Per conservare i cosmetici ed impedire la proliferazione batterica possono essere impiegati, ad esempio, estratti di piante dalle proprietà disinfettanti come il rosmarino, il timo, l’origano e i semi di pompelmo.

I prodotti naturali contengono solitamente principi attivi che penetrano in profondità, apportando reali benefici alla pelle. Il latte di asina, la bava di lumaca, per esempio, hanno effetti evidenti e sono adatti a tutti i tipi di pelle, anche quelle più delicate.


Ti potrebbe interessare: Cosmetici naturali: l’efficacia dei principi attivi

Grazie alla limitata presenza di sostanze di sintesi e al largo uso di materie prime biologiche, i prodotti cosmetici naturali hanno maggiore affinità con la pelle.

Le alternative ai petrolati sono burri e oli vegetali, per esempio di jojoba, di mandorle o di cocco. Queste sostanze evitano la disidratazione e nutrono la pelle, ma non occludono i pori, perché penetrano nella cute.

Linea Cosmetica Naturale Apollinea

Nella linea cosmetica naturale Apollinea ci sono solo ingredienti naturali, che non hanno subito nessuna trasformazione, se non quella fisica, e che non sono aggressivi per la pelle e per l’ambiente. Sono prodotti 100% naturali, privi di ingredienti di tipo petrolchimico, oli minerali, siliconi, parabeni e conservanti. Sono made in Italy, lavorati in maniera artigianale e possono essere utilizzati da tutti, anche da chi ha la pelle delicata.

Le offerte del mese di Apollinea

Ecco le offerte sulla linea di cosmetica naturale:

×